Sanzioni del garante della privacy

Con il nuovo regolamento europeo l’Autorità di controllo interviene in seguito alle valutazioni del titolare del trattamento. Dal 25 maggio 2018, quindi, sarà abolito l’istituto della notifica preventiva dei trattamenti, ma saranno inseriti tra gli obblighi quello di avere un registro dei trattamenti e da valutazioni di impatto autonome.

Il Comitato europeo della protezione dei dati (l’erede dell’attuale Gruppo Articolo 29) sarà il responsabile nella garanzia di uniformità di approccio alla normativa, fornirà inoltre: delle interpretazioni, delle linee-guida e altri documenti di indirizzo sulle varie tematiche oltre all’adattamento dei trattamenti alle varie tecnologie.

L’autorità di controllo ha il potere di irrogare sanzioni.

 

Essi consistono nel:

  • Avvertire il titolare o il responsabile del trattamento sulla non-conformità dei trattamenti alla normativa europea;
  • Sollecitare il titolare o il responsabile del trattamento a far valere i diritti del soggetto interessato;
  • Sollecitare il titolare o il responsabile del trattamento ad essere in conformità con il regolamento europeo indicando modalità e tempi;
  • Imporre una limitazione provvisoria o definitiva al trattamento, sospendere o vietare il trattamento;
  • Chiedere la rettifica, la cancellazione o l’aggiornamento dei dati personali;
  • Revocare le certificazioni o incorrere all’organismo di certificazione al fine di ritirare le certificazioni rilasciate se i requisiti non sono soddisfatti;
  • Infliggere le sanzioni amministrative pecuniarie;
  • Ordinare la sospensione dei flussi di dati verso un destinatario in un paese terzo o un’organizzazione internazionale.

Cos’è il prior checking?

Il prior checking, previsto dall’articolo 36 del regolamento europeo si applica:

“qualora la valutazione d’impatto sulla protezione dei dati indichi che il trattamento presenterebbe un rischio elevato in assenza di misure adottate dal titolare del trattamento per attenuare il rischio”.

Il titolare del trattamento consulta quindi l’autorità di controllo prima di procedere al trattamento.

Principio dello sportello unico

Il nuovo regolamento europeo ha introdotto il principio dello sportello unico per stabilire a quale Autorità di controllo un’azienda che opera in più paesi è soggetta.

Pin It on Pinterest

Condividi queste informazioni con i tuoi contatti

Condividi questo articolo nel tuo social preferito.