Diritto di accesso, diritto di oblio e diritto alla portabilità dei dati, quali sono le differenze?

 

Diritto di accesso, diritto di oblio e diritto alla portabilità dei dati.

Questi sono i nuovi diritti degli interessati del nuovo regolamento europeo.

Cosa vogliono dire i diritti degli interessati inerenti il nuovo regolamento europeo? 

Possiamo distinguere tre diritti del soggetto interessato: 

Vediamoli in ordine!

 

1.Diritto di accesso:

Come cita l’articolo 15 del regolamento “Il diritto di accesso prevede in ogni caso il diritto di ricevere una copia dei dati personali oggetto di trattamento.”

  • ” Fra le informazioni che il titolare deve fornire non rientrano le “modalità” del trattamento, mentre occorre indicare il periodo di conservazione previsto o, se non è possibile, i criteri utilizzati per definire tale periodo, nonché le garanzie applicate in caso di trasferimento dei dati verso Paesi terzi.”
  • “i titolari possono consentire agli interessati di consultare direttamente, da remoto e in modo sicuro, i propri dati personali.”

 

2. Diritto di cancellazione (diritto all’oblio):

Vediamo alcuni passi dell’articolo 17:

  • “Con diritto “all’oblio”  si intende un diritto alla cancellazione forzata dei propri dati personali. Si ha l’obbligo per i titolari (se hanno “reso pubblici” i dati personali dell’interessato: ad esempio, pubblicandoli su un sito web) di informare della richiesta di cancellazione altri titolari che trattano i dati personali cancellati, compresi “qualsiasi link, copia o riproduzione “
  • “l’interessato ha il diritto di chiedere la cancellazione dei propri dati, per esempio, anche dopo revoca del consenso al trattamento.”

 

Particolare è in questo paragrafo citare il Il diritto alla limitazione, il quale prevede che il dato personale sia “contrassegnato” in attesa di determinazioni ulteriori.

3. Diritto alla portabilità dei dati:

Come cita l’articolo 20 del regolamento:

  • “Si tratta di uno dei nuovi diritti previsti dal regolamento, anche se non è del tutto sconosciuto ai consumatori (si pensi alla portabilità del numero telefonico).”
  • “Non si applica ai trattamenti non automatizzati (quindi non si applica agli archivi o registri cartacei) e sono previste specifiche condizioni per il suo esercizio; in particolare, sono portabili solo i dati trattati con il consenso dell’interessato o sulla base di un contratto stipulato con l’interessato.”
  • il titolare deve essere in grado di trasferire direttamente i dati portabili a un altro titolare indicato dall’interessato,se possibile.”

 

Se vuoi scoprire tutte le modalità per l’esercizio dei diritti degli interessati clicca su questo link!

Pin It on Pinterest

Condividi queste informazioni con i tuoi contatti

Condividi questo articolo nel tuo social preferito.